Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per il funzionamento del sito e per raccogliere dati anonimi sulla navigazione.

Proseguendo con la navigazione si acconsente all'uso dei cookie; per negare il consenso, si rinvia all'informativa estesa.

ECC logo IT

Sicurezza alimentare: l'UE ha adottato una lista delle sostanze aromatizzanti autorizzate

Sicurezza alimentare: l'UE ha adottato una lista delle sostanze aromatizzanti autorizzate

La Commissione europea ha emanato due atti legislativi che rendono ancora più sicuro e trasparente oggi l'impiego di sostanze aromatizzanti nei prodotti alimentari. Solo quelle comprese negli elenchi approvati potranno essere utilizzate nell'industria alimentare.

Le sostanze aromatizzanti sono state introdotte da tempo in svariati prodotti alimentari, come le bevande rinfrescanti, i prodotti di confetteria, i cereali, i dolci e gli yogurt, e sono state oggetto di una valutazione a livello dell'Unione europea.

"Grazie agli sforzi attualmente compiuti dall'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e altri organismi scientifici, questa regolamentazione relativa alle sostanze aromatizzanti migliorerà sensibilmente la trasparenza dell'informazione per i cittadini e per il settore industriale. Sarà più facile per gli interessati sapere esattamente quali sostanze aromatizzanti possono essere utilizzate negli alimenti.", ha dichiarato John Dalli, Commissario responsabile per la salute e la politica dei consumatori.

I due nuovi testi legislativi giungono a chiarire ed armonizzare l'uso delle sostanze aromatizzanti nel mercato unico, in particolare:

1.      il primo regolamento (N 872/2012)  prevede, a livello dell'Unione europea, un nuovo elenco di sostanze aromatizzanti utilizzabili nei prodotti alimentari. Quelle che non figurano nell'elenco saranno vietate dopo un periodo transitorio di 18 mesi. Il regolamento verrà applicato a partire dal 22 aprile 2013, per lasciare all'industria alimentare europea il tempo di adeguarsi alle nuove regole;

2.      il secondo regolamento (N 873/2012) riguarda le misure transitorie per gli altri aromi, quali quelli di origine non alimentare, e sarà applicato a decorrere dal 22 ottobre 2012.

Il nuovo elenco comprende più di 2 100 sostanze aromatizzanti autorizzate. 400 sostanze, utilizzate da tempo, resteranno sul mercato in attesa che l'EFSA concluda la sua valutazione; il loro impiego, comunque, è stato ritenuto sicuro da altri organismi scientifici.

Contesto

L'elaborazione dell'elenco positivo delle sostanze aromatizzanti autorizzate segna un'importante tappa nell'applicazione del regolamento quadro relativo alle sostanze aromatizzanti adottato nel dicembre 2008 (N 1334/2008). Tale provvedimento dispone che l’impiego delle sostanze aromatizzanti deve essere sicuro e non deve indurre in errore il consumatore.

Le nuove regole sono volte, quindi, alla chiarezza delle informazioni, in quanto le sostanze aromatizzanti di cui è autorizzato l’impiego saranno elencate in base alla categoria di prodotti alimentari ai quali queste sostanze possono essere aggiunte. Sarà, inoltre, migliorata la trasparenza, poiché l'elenco potrà essere accessibile online, per consentire ai consumatori, alle imprese del settore alimentare e alle autorità nazionali di controllo alimentare di sapere agevolmente quali sostanze aromatizzanti sono utilizzate negli alimenti.

Quanto alle condizioni di utilizzazione delle sostanze aromatizzante, le stesse possono essere autorizzate solo se rispettano le seguenti condizioni:

-sulla base dei dati scientifici disponibili, la sostanza non presenta rischi per la salute del consumatore alle dosi proposte;

-la sua utilizzazione non induce in errore il consumatore.

Altri fattori possono essere presi in considerazione, come, tra l'altro, fattori di ordine etico, ambientale o fattori collegati alle tradizioni.

Controllo d'applicazione

Alle autorità nazionali resta, infine, il compito di garantire che i prodotti alimentari contenenti sostanze aromatizzanti non autorizzate siano ritirati dal mercato. Le stesse, inoltre, devono segnalare queste sostanze alla Commissione europea e agli altri Stati membri attraverso il Sistema di allarme rapido per gli alimenti e i mangimi dell'Unione europea (RASFF).

.

 

Sei soddisfatto dalle informazioni contenute in questo articolo?

Blog ECC IT: 100% - 35 votes
Ottimo!

×
×