Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per il funzionamento del sito e per raccogliere dati anonimi sulla navigazione.

Proseguendo con la navigazione si acconsente all'uso dei cookie; per negare il consenso, si rinvia all'informativa estesa.

ECC logo IT

Consumatori europei discriminati sulla base della loro cittadinanza o residenza

È stato presentato oggi a Bolzano il rapporto della Rete dei Centri Europei Consumatori (ECC-Net) sull'implementazione della direttiva servizi in Europa. Il rapporto analizza reclami di consumatori che non hanno potuto beneficiare del mercato unico in quanto aziende e prestatori di servizi applicano prezzi differenti a seconda della cittadinanza o residenza dei consumatori.


L' ECC-Net ha analizzato i reclami ricevuti dai consumatori nel periodo gennaio 2010 – dicembre 2012, approfondendo situazioni tipiche di consumatori che hanno subito un trattamento diverso o ai quali è stata negata la prestazione di un servizio. Nel rapporto presentato oggi a Bolzano, il gruppo di lavoro formato dai Centri Europei Consumatori (CEC) di Irlanda, Austria, Italia, Spagna e Regno Unito ha analizzato queste pratiche, raccolto linee guida su quelle che potrebbero essere le ragioni oggettive che potrebbero giustificare trattamenti differenziati, cercando di allertare gli organismi competenti e aumentare la consapevolezza delle tutele che la direttiva offre.

Per il report completo, cliccare qui.

Sei soddisfatto dalle informazioni contenute in questo articolo?

Blog ECC IT: 100% - 35 votes
Ottimo!

×
×