Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per il funzionamento del sito e per raccogliere dati anonimi sulla navigazione.

Proseguendo con la navigazione si acconsente all'uso dei cookie; per negare il consenso, si rinvia all'informativa estesa.

ECC logo IT

Antitrust sanziona agenzie di viaggio on line: easy market e bravofly per pratiche commerciali scorrette

Sanzioni per complessivi 290mila euro a carico delle società Bravofly (225mila)  e Easy market (65mila) al termine di due distinti procedimenti istruttori in materia di pratiche commerciali scorrette nel settore delle agenzie di viaggio on line. Le ha decise l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che ha sanzionato la scarsa trasparenza dei prezzi, il meccanismo di scelta dell’assicurazione facoltativa e, nel caso di Bravofly, anche la mancanza di un servizio di assistenza facilmente accessibile dal consumatore.

Le due società dovranno ora adottare misure per ottemperare ai provvedimenti dell’Autorità.

In particolare l’Autorità ha sanzionato le seguenti pratiche di Bravofly e Easy Market :

1)    scarsa trasparenza delle informazioni sul costo dei servizi offerti, sostanzialmente diversi da quelli pubblicizzati per effetto dell’addebito di ulteriori oneri economici non evitabili (quali il supplemento per il pagamento con la carta di credito e le spese di gestione) e quindi noti alla società. In questo modo non si consente al consumatore, sin dal primo contatto con il sito, di conoscere l’effettivo prezzo del biglietto, inclusivo dell’insieme di voci di costo che lo compongono;

2)    ingannevolezza del sistema di preselezione automatica della polizza assicurativa facoltativa: si tratta di un meccanismo che induce il consumatore a ritenere che la polizza sia obbligatoria e non, come è nella realtà, facoltativa. Sia Bravofly che Easy Market hanno comunque rimosso il meccanismo di preselezione della copertura assicurativa facoltativa nel corso dei procedimenti.

Limitatamente al procedimento a carico di Bravo Fly:

3)    omessa predisposizione di un sistema di assistenza clienti facilmente accessibile, alternativo al numero telefonico a pagamento (con costi che potevano arrivare a 15 euro), unitamente a scarsa chiarezza dell’indicazione dei dati identificativi della società. In questo modo si scoraggiano i tentativi di contatto e la proposizione di reclami, ostacolando l’esercizio dei diritti contrattuali dei consumatori.

Con questi due provvedimenti salgono a 6 le procedure avviate e concluse dall’Antitrust dagli inizi del 2013 a oggi a tutela dei consumatori che acquistano viaggi e pacchetti turistici on line, con sanzioni per complessivi 665mila euro.

Sei soddisfatto dalle informazioni contenute in questo articolo?

Blog ECC IT: 100% - 35 votes
Ottimo!

×
×