Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per il funzionamento del sito e per raccogliere dati anonimi sulla navigazione.

Proseguendo con la navigazione si acconsente all'uso dei cookie; per negare il consenso, si rinvia all'informativa estesa.

ECC logo IT

2014 La Commissione Europea valuta la Direttiva sulle multiproprietà

Il Centro per la Strategia & i Servizi di valutazione ( CSES: www.cses.co.uk) è stato incaricato dalla DG Giustizia di condurre una valutazione della Direttiva 2008/122/CE sulla tutela dei consumatori per quanto riguarda taluni aspetti dei contratti di multiproprietà, dei contratti relativi ai prodotti per le vacanze di lungo termine e dei contratti di rivendita e di scambio.

 

CHE COSA SI INTENDE PER CONTRATTO DI MULTIPROPRIETÀ?

L’istituto della multiproprietà offre la possibilità di acquistare il diritto di utilizzare e godere di un immobile anche in perpetuo, ma limitatamente ad un periodo  prescelto, di solito una o più settimane durante l’anno, anche a chi non ha mezzi finanziari sufficienti per l’acquisto di un immobile tutto per sé consentendogli di avere una residenza da utilizzare come casa per le vacanze.

Nell'UE, la  direttiva sulle multiproprietà  conferisce ai consumatori una serie di importanti diritti. Tra questi: il diritto ad ottenere informazioni complete prima della firma del contratto, il diritto alla rescissione del contratto entro 14 giorni per qualsiasi motivo e senza dover pagare una penale (diritto di recesso), se il venditore non ha fornito le informazioni richieste, tale diritto viene esteso a un anno e 14 giorni, norme specifiche sui pagamenti a tutela dei consumatori: ad esempio, nel periodo in cui si applica il diritto di recesso, non si è tenuti a versare un deposito, un anticipo, ecc. 

La Commissione Europea ha deciso che è giunto il momento di valutare l'efficacia della Direttiva come strumento di protezione dei consumatori, tramite lo studio che verrà condotto dal Centro britannico fino a metà 2014. Gli obiettivi principali dell'elaborato sono:
- valutazione del grado in cui gli obiettivi della Direttiva 2008/122/CE sono stati raggiunti. Per esempio il contributo al funzionamento corretto del mercato interno e il raggiungimento di un alto livello di protezione dei consumatori per quanto riguarda alcuni aspetti della compravendita di multiproprietà e prodotti per le vacanze di lungo termine.
- vaglio dell'esistenza di specifiche problematiche del settore che non sono coperte dalla Direttiva, incluse le nuove pratiche commerciali emergenti.
 
Anche i consumatori possono dare il loro contributo alla valutazione. Tutti coloro che hanno avuto esperienza di contratti di multiproprietà possono rispondere al questionario cliccando su uno dei link seguenti ( non è presente la versione in italiano).
 

Sei soddisfatto dalle informazioni contenute in questo articolo?

Blog ECC IT: 100% - 35 votes
Ottimo!

×
×