Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per il funzionamento del sito e per raccogliere dati anonimi sulla navigazione.

Proseguendo con la navigazione si acconsente all'uso dei cookie; per negare il consenso, si rinvia all'informativa estesa.

ECC logo IT

VACANZE IN EUROPA

Finalmente le ferie sono arrivate ed è un nostro diritto, almeno quando siamo in vacanza, non  pensare più a nulla, riposarci e goderci la vacanza prenotata. Tutto giusto, ma prima di "spegnere" del tutto il collegamento col mondo reale facciamo un attimo un riepilogo dei nostri diritti in vacanza:

 Avete acquistato  un "pacchetto turistico"?

 Contratto alla mano verificate i servizi acquistati e gli standard promessi e se questi, una volta giunti sul posto, non dovessero essere offerti o non dovessero corrispondere a quelli pattuiti, segnalatelo al rappresentante del tour operator in loco e richiedete delle soluzioni alternative. In caso contrario avete diritto al risarcimento del danno, compreso quello da vacanza rovinata. Documentate il disservizio ricontratto ricorrendo a fotografie e video: vi serviranno per il reclamo scritto che invierete con raccomandata AR entro 10 giorni dal rientro.

 Avete i documenti necessari?

 Per i soggiorni in Europa non avete bisogno del passaporto per i controlli alle frontiere ma è sempre meglio portarlo con voi (in alternativa è sufficiente la carta d'identità). Ci sono infatti Paesi, come il Regno Unito che ti obbligano ad avere con te i documenti d’identità quando circoli sul loro territorio. Patenti di guida, carte bancarie e tesserini non sono accettati come documenti di viaggio o d'identità.

Se la vostra meta sono gli Stati Uniti e dovete richiedere o rinnovare  l’autorizzazione ESTA accertatevi di utilizzare i canali ufficiali per non veder triplicati i costi della procedura. Vi sono infatti dei siti, a volte graficamente molto simili a quelli ufficiali, che possono arrivare a chiedere fino a 100 euro per la procedura (che in realtà costa 14$. Controllate le condizioni contrattuali per accertarvi che state operando attraverso un canale ufficiale e prestate attenzione quando utilizzate i motori di ricerca.

Anche cani, gatti e furetti devono essere muniti di un passaporto per animali quando viaggiano: si tratta di un documento rilasciato dal veterinario e indicante che l'animale è stato vaccinato contro la rabbia. Se vi recate col vostro animale a Malta, in Irlanda, nel Regno Unito, in Finlandia o in Svezia, è obbligatorio sottoporlo a un trattamento contro le zecche e la tenia.

La Tessera europea di assicurazione malattia (TEAM), valida nei 28 Stati membri oltre che  Islanda, in Liechtenstein, in Norvegia e in Svizzera ti consente di ricevere eventuali cure mediche presso un medico o una struttura sanitaria pubblica o convenzionata alle stesse condizioni degli assistiti del Paese in cui ci si trova. L’assistenza è in forma diretta e pertanto nulla è dovuto, eccetto il pagamento di un eventuale ticket che è a diretto carico dell’assistito e quindi non rimborsabile. La TEAM non sostituisce l’assicurazione di viaggio, può essere pertanto consigliabile sottoscrivere anche una polizza viaggio, sia perché solo alcuni Paesi sostengono per intero le spese per le cure mediche sia perché una malattia o un incidente all’estero possono comportare spese supplementari quali, ad esempio, l’alloggio, il volo di rientro nel proprio Paese ecc..

Problemi con i servizi di trasporto?

Può capitare di subire un ritardo o una cancellazione quando si viaggia o non viene prestata l’ assistenza per mobilità ridotta richiesta o ancora che la propria valigia venga smarrita. Ricordate che se viaggiate in aereo, treno, autobus o nave nell'UE avete una serie di diritti in quanto passeggeri come il diritto all'informazione e all'assistenza, il diritto ad essere portati a destinazione e, se non è possibile, ad essere ricondotti al punto di partenza, al rimborso del biglietto se il servizio di trasporto non viene effettuato e, in alcuni casi, ad essere risarciti. L'Europa, infatti è la prima regione al mondo in cui i passeggeri hanno garantiti una serie di diritti in tutte le forme di trasporto.

Fare shopping in vacanza

Prima di acquistare prodotti o servizi in un negozio, avete il diritto di ricevere informazioni chiare, corrette e comprensibili dal venditore e se il prodotto o servizio si rivela difettoso o comunque non risponde alla descrizione fattane dal venditore, la normativa europea vi riconosce il diritto ad una garanzia gratuita di almeno due anni a fronte della quale  il venditore è tenuto a ripararlo o sostituirlo gratuitamente o a rimborsarvi o concedervi uno sconto. In alcuni Paesi potrete scegliere sin dall’inizio fra queste quattro possibilità mentre in altri potete chiedere il rimborso integrale o parziale solo quando non risulta possibile o conveniente riparare o sostituire l'articolo. Ricordate che se il difetto viene scoperto quando siete ormai rientrati dalle vacanze le spese di spedizione del prodotto al venditore sono a carico di quest’ultimo.  Per gli acquisti nei negozi il diritto di ripensarci e restituire il prodotto dipende dalla politica adottata dal commerciante. Se avete intenzione di recarvi alle Isole Canarie evitate l’acquisto di apparecchiature elettroniche come fotocamere o tablet; sono infatti numerose le segnalazioni ricevute dai consumatori sulle tecniche di vendita aggressive ed ingannevoli utilizzate dai venditori locali per indurvi all’acquisto di apparecchiature a prezzi, a loro dire,stracciati per poi scoprire che valgono meno di quello che avete pagato.  

Rimanere “connessi”

Utilizzare Internet per visualizzare le mappe o per avere informazioni su eventi, locali ed attrazioni o per condividere sui social network l’ultima foto scattata quando siete in viaggio all’estero fino a giugno 2017 sarà ancora soggetto al pagamento di costi supplementari (€ 0,19 per chiamate in uscita al minuto, € 0,05 chiamate in entrata al minuto, € 0,06 messaggi in uscita (SMS),  € 0,20 per collegamento online). E’ tuttavia un vostro diritto essere avvertiti dall’operatore telefonico quando state per superare la soglia massima di 50 euro e ottenere un vostro esplicito consenso al relativo superamento. In attesa dell’abolizione dei costi di roaming è consigliabile bloccare tutti i “data roaming” ed approfittare, quando è possibile, del  wi-fi di bar o piazze e degli hotel o ancora limitare la spesa inviando sms, il cui costo dall’estero risulta oramai paradossalmente inferiore di quello per un SMS nazionale.

In macchina per le strade d’Europa

Qual è il limite di velocità sulle autostrade spagnole? A che cosa vado incontro se mi viene contestata la guida in stato di ebrezza in Ungheria?  Per queste e tante altre informazioni sulla sicurezza stradale in Europa  e sulle le principali regole che bisogna conoscere quando si guida all’estero la Commissione Europea mette a disposizione  Going Abroad una applicazione per smartphone e altri dispositivi mobili nella quale sono raccolte tutte le informazioni sulle regole di circolazione in ogni Paese europeo.

Noleggiare un’auto

Se state considerando l’idea di noleggiare un auto una volta arrivati a destinazione alcuni accorgimenti vi aiuteranno a prevenire i problemi. Prime di sottoscrivere il contratto controllate leggete attentamente le condizioni contrattuali, verificate quali servizi sono inclusi nel prezzo e quali sono prestati dietro il pagamento di un costo supplementare ed ancora se le coperture assicurative acquistate sono sufficienti ed adeguate rispetto ai vostri programmi di viaggio. Al momento della presa in consegna del veicolo controllate lo stato del veicolo insieme all’operatore  e fate annotare sul verbale di ispezione eventuali danni preesistenti richiedendone copia. Se durante il noleggio il veicolo si rompe o rimanete coinvolti in un incidente contattate il servizio clienti della società di autonoleggio e seguite le istruzioni che vi vengono impartite. In caso di incidente fate intervenire le autorità, sottoscrivete la constatazione amichevole di incidente e annotate il nome ed il numero di telefono di eventuali testimoni nel caso in cui la responsabilità è incerta o contestata. Alla riconsegna del veicolo fate nuovamente controllare lo stato del veicolo e fatevi rilasciare copia il verbale di ispezione che andrete a sottoscrivere. Se il veicolo viene consegnato quando gli uffici sono chiusi controllate attentamente la macchina e scattate delle foto (con data e ora)  facendo attenzione che la targa sia visibile per documentare lo stato del veicolo alla riconsegna. Questo vi permetterà di  contestare eventuali successivi addebiti per danni.

 

E se avete necessità di affermare i vostri diritti durante le vostre vacanze la Rete dei Centri europei per i consumatori ha realizzata per voi l’ECC-Net Travel APP, una compagna di viaggio per i vostri  spostamenti in Europa, in Norvegia e in Islanda. Vi aiuterà ad affrontare i problemi che possono insorgere durante una vacanza all’estero ed esercitare i vostri diritti nella lingua del Paese di destinazione.. L’ECC-Net Travel App è gratuita e funziona anche offline  limitando così i costi di roaming. È disponibile per dispositivi mobili iOS, Android e Microsoft e puoi scaricarla dall’Apple store, da Google playstore e da Windows Apps+GamesStore.

 E ora non vi resta che godere delle vostre vacanze!

 

Sei soddisfatto dalle informazioni contenute in questo articolo?

Blog ECC IT: 100% - 35 votes
Ottimo!

×
×