Single Digital 11 dicembre - L’11 dicembre del 2018, con l’entrata in vigore del Regolamento (UE) 2018/1724, prendeva il via l’iniziativa europea del Single Digital Gateway ( Sportello unico digitale) con l’obiettivo di fornire a cittadini e imprese dell’UE un unico punto di accesso  attraverso cui ricevere informazioni sulle regole vigenti a livello nazionale e europeo in materia di impresa, lavoro e  pensione, istruzione, salute, viaggi, gestione dell’impresa e tassazione e ricevere assistenza per la fruizione delle informazioni e delle procedure. Domani, 12 Dicembre, con la messa online dello Sportello unico digitale sul portale “La tua Europa” tale iniziativa diventa realtà e cittadini e imprese che vogliono muoversi liberamente nel mercato unico, avranno a disposizione un ulteriore strumento per accedere online ai servizi della pubblica amministrazione. Si punta ad un servizio di qualità e, dunque, a mettere a disposizione informazioni aggiornate, comprensibili e ben strutturate che forniscano i riferimenti normativi essenziali e i contatti per l’eventuale assistenza o risoluzione dei problemi.

 “Lo Sportello Digitale Unico rappresenta una delle più significative concretizzazioni degli obiettivi del Mercato unico europeo” dichiara Maria Pisanò, Direttore del Centro Europeo Consumatori Italia. “Grazie al Mercato unico i cittadini europei possono beneficiare di un’ampia scelta di beni e servizi, decidere di lavorare o studiare oltre confine ma è chiaro che tale libertà può essere esercitata appieno solo se vi è consapevolezza e facilità di accesso a informazioni e procedure. Lo Sportello Unico Digitale rappresenta in tal senso lo strumento ideale che abbatte ulteriormente le barriere: sarà sufficiente accedere ad una pagina web per essere reindirizzati ai servizi più idonei alle nostre necessità di utenti e la lingua non sarà più un problema perché le informazioni verranno fornite anche in inglese oltre che nella lingua nazionale di ciascun paese”.

Entro il 2023 sarà possibile gestire online più di 20 procedure amministrative, tra cui i certificati di nascita, le dichiarazioni dei redditi e le iscrizioni all'università; per garantire un costante miglioramento e una continua implementazione sarà possibile fornire anche un feedback sulla qualità delle informazioni o del servizio ricevuti.

 “Anche la rete dei Centri Europei dei Consumatori ECC-Net di cui il Centro Europeo Consumatori Italia è il punto di contatto nazionale rappresenterà un collegamento diretto dello Sportello, a testimonianza e riconoscimento del grande apporto nell’assistenza al consumatore e del significativo ruolo svolto nei primi quindici anni di attività”, conclude Pisanò.


Stampa   Email