ECC logo IT

Centro Europeo Consumatori Italia assiste GRATIS consumatori a cui non è applicabile nuova policy bagagli

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

volo web

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio, scriveva Svetonio. Nessun detto è più azzeccato rispetto alla nuova politica di tariffazione sui bagagli di Ryanair.

La compagnia low-cost irlandese ha annunciato, infatti, le ennesime nuove regole sul trasporto dei bagagli. I passeggeri sprovvisti di imbarco prioritario potranno portare a bordo un solo bagaglio piccolo (40x20x25cm), mentre il bagaglio a mano da 10 kg, che attualmente viene consegnato al gate d’imbarco e collocato in stiva gratuitamente, dovrà essere consegnato al banco consegna bagagli avverso un corrispettivo il cui importo differisce a seconda della modalità e dei tempi della richiesta.

La nuova policy entrerà in vigore dal 1° novembre per i voli prenotati dal 1° settembre. Ciò dovrebbe significare che le nuove disposizioni sui bagagli non dovrebbero interessare coloro che hanno prenotato voli in partenza dal 1° novembre, ma prima del 1° settembre.

“Ma così non è - sostiene Maria Pisanò, Direttore del Centro Europeo Consumatori Italia.  Infatti – prosegue Pisanò – mentre le condizioni di trasporto tacciono, nella sezione “domande frequenti” compare invece la seguente precisazione: “clienti che non hanno acquistato l’Imbarco Prioritario che hanno prenotato un volo prima del 1° settembre (per viaggi dopo il 1° novembre) possono aggiungere l’Imbarco Prioritario al costo di €8* o un bagaglio registrato da 10 kg al costo di €10* oppure possono cancellare la loro prenotazione ottenendo un rimborso completo. * (prezzo per aggiunta dopo la prenotazione)”. Ciò farebbe, quindi, intendere che la nuova policy riguarderebbe anche le prenotazioni antecedenti il 1° settembre”.

A conferma di tale assunto, ci sono le email che il vettore sta inviando ai passeggeri che hanno acquistato un volo prima del 1° settembre e con partenza dal 1° novembre e che pongono gli stessi di fronte alla scelta tra il pagamento del costo supplementare per i bagagli o l’annullamento del volo.

“Ryanair – dichiara Pisanò – non può vincolare irrevocabilmente il consumatore a condizioni di cui non aveva conoscenza al momento della conclusione del contratto né può inserire informazioni di tale rilevanza tra le FAQ impedendo al consumatore di effettuare un acquisto consapevole”.

“Il comportamento della compagnia – aggiunge il Direttore del Centro – ci lascia basiti se consideriamo che appena nel mese di luglio il vettore si era impegnato con l’Antitrust a porre rimedio all’identico comportamento scorretto tenuto in occasione dell’adozione di una nuova tariffazione sui bagagli adottata nel mese di gennaio 2018”.

“Invitiamo i passeggeri che hanno acquistato un volo prima del 1° settembre, e che hanno ricevuto l’email di notifica della nuova politica sui bagagli, a rivolgersi al nostro Centro per assistenza” – conclude Pisanò.

 

 

OHSecurity is a Joomla Security extension!