PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE E CLAUSOLE VESSATORIE

Pratiche commerciali scorrette

Una pratica commerciale è definita scorretta quando è “contraria alla diligenza professionale, ed è falsa o idonea a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico, in relazione al prodotto, del consumatore medio che essa raggiunge o al quale è diretta o del membro medio di un gruppo qualora la pratica commerciale sia diretta a un determinato gruppo di consumatori “ ( art. 20 Codice del Consumo).