Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per il funzionamento del sito e per raccogliere dati anonimi sulla navigazione.

Proseguendo con la navigazione si acconsente all'uso dei cookie; per negare il consenso, si rinvia all'informativa estesa.

ECC logo IT

Trasporto aereo

Disservizi sui bagagli

disservizi sui bagagliIn base a quanto prescritto dalle menzionate legislazioni (Convenzione di Montreal, Regolamento CE 889/2002), il vettore aereo “è responsabile del danno derivante dalla distruzione, perdita o deterioramento dei bagagli consegnati, per il fatto stesso che l’evento che ha causato la distruzione, la perdita o il deterioramento si è prodotto a bordo dell'aeromobile oppure nel corso di qualsiasi periodo durante il quale il vettore aveva in custodia i bagagli consegnati”(Convenzione di Montreal, art. 17).

Analogamente, il vettore aereo è responsabile del danno derivante da ritardo nel trasporto di bagagli, a meno che non si dimostri che sono state adottate “tutte le misure che potevano essere ragionevolmente richieste per evitare il danno oppure che era impossibile adottarle” (Convenzione di Montreal, art. 18).

La responsabilità del vettore aereo in caso di distruzione, perdita, deterioramento o ritardo nel trasporto bagagli è stata dalla Convenzione quantificata in un importo massimo di 1000 “diritti speciali di prelievo” (unità monetaria convenzionale di riferimento definita dal Fondo Monetario Internazionale) per passeggero, pari a circa 1200 €. È importante, pertanto, prestare attenzione all’etichettatura delle valigie al momento del check-in: se per errore, ad esempio, più valigie vengono etichettate a nome di un unico passeggero, in caso di disservizi il massimo rimborso ottenibile è comunque pari a 1200 €, anche se la quantificazione economica del danno è superiore.

Nell’ipotesi di danneggiamento, smarrimento o ritardata consegna bagaglio un risarcimento di entità economica superiore a 1200 € potrà essere corrisposto al passeggero qualora egli, al momento del check-in, abbia effettuato una dichiarazione speciale di interesse alla consegna, dietro pagamento di una tassa supplementare. In tal caso “il vettore sarà tenuto al risarcimento sino a concorrenza della somma dichiarata, a meno che egli non dimostri che tale somma è superiore all'interesse reale del mittente alla consegna a destinazione” (Convenzione di Montreal, art. 22)

Ricordate, tuttavia, che nella prassi il vettore aereo tende a risarcire in primo luogo i danni materiali comprovati, quali, ad esempio, incluse le spese di trasporto sostenute per ritirare il bagaglio all’aeroporto (bus, taxi, noleggio auto). Ciò non toglie, in ogni caso, la possibilità di reclamare un risarcimento anche per il cd. danno da “vacanza rovinata”, relativo alla perdita di giorni di vacanza od al mancato godimento della vacanza stessa, anche se, al momento, risulta più difficile da ottenere senza apposita azione legale.

Termini per la presentazione del reclamo

· In caso di danneggiamento bagaglio, il termine per presentare reclamo alla compagnia aerea è di 7 giorni dalla data di ricevimento dello stesso;

· In caso di ritardo nella consegna del bagaglio, il termine per presentare reclamo è di 21 giorni dalla data in cui lo stesso è stato reso disponibile;

· In caso di smarrimento del bagaglio, in base alla lettera della norma (Art. 17 co.3): se il vettore riconosce la perdita del bagaglio consegnato, ovvero qualora il bagaglio consegnato non sia ancora giunto a destinazione entro ventuno giorni dalla data prevista, il passeggero può far valere nei confronti del vettore i diritti che gli derivano dal contratto di trasporto. Si suggerisce in ogni caso di inviare richiesta di risarcimento già prima dello scadere dei 21 giorni dalla data in cui il bagaglio sarebbe dovuto essere consegnato.

Il reclamo deve essere inviato alla compagnia aerea attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno, in modo tale da avere certezza del recepimento dello stesso da parte della compagnia e conservare, inoltre, traccia scritta sia di ciò che avete richiesto che della data in cui avete inoltrato la vostra richiesta di rimborso.

Alla lettera di reclamo vanno allegati in copia i seguenti documenti:

- prenotazione del biglietto aereo;

- carta d’imbarco;

- etichetta identificativa del bagaglio;

- PIR (rapporto di irregolarità bagaglio aperto in Aeroporto nel momento in cui si è verificato il disservizio);

- preventivo delle spese di riparazione del bagaglio danneggiato o, in alternativa, scontrino comprovante l’acquisto di una valigia equivalente (in caso di danneggiamento);

- scontrini comprovanti l’acquisto di beni di prima necessità in conseguenza del disservizio (in caso di smarrimento o ritardata consegna del bagaglio);

×
×