Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per il funzionamento del sito e per raccogliere dati anonimi sulla navigazione.

Proseguendo con la navigazione si acconsente all'uso dei cookie; per negare il consenso, si rinvia all'informativa estesa.

ECC logo IT

Trasporto AereoTRASPORTO AEREO


diritti dei passeggeri ECC

Tra i disservizi nel trasporto aereo si registrano più frequentemente la cancellazione, il ritardo prolungato e il negato imbarco sul volo e le problematiche legate al bagaglio (smarrimento, danneggiamento, ritardata consegna ecc.)

Le prime tre ipotesi (disservizi relativi al trasporto di passeggeri) sono disciplinate dal Regolamento 261/2004/CE, il cui fine è quello di garantire ai cittadini dell’Unione un elevato livello di protezione dei propri diritti in tema di trasporto aereo.

Il suddetto Regolamento si applica sia ai voli di linea che ai voli charter e riguarda tanto i passeggeri in partenza da un aeroporto situato nel territorio di uno Stato membro quanto quelli in partenza da un aeroporto situato in un paese terzo ma diretti verso l’Unione Europea, qualora il vettore aereo sia un vettore comunitario. Tuttavia, restano esclusi dall’ambito di applicazione del Regolamento i passeggeri che, pur rientrando nelle summenzionate categorie, abbiano viaggiato gratuitamente o beneficiato di una tariffa ridotta non accessibile al pubblico.

A prescindere dalle specifiche di ogni singola ipotesi, il Regolamento 261/2004/CE pone in capo al vettore aereo alcuni precisi obblighi validi in qualsiasi circostanza. 

In primo luogo, il vettore aereo ha l’obbligo di fornire ad ogni passeggero un avviso scritto contenente informazioni sui propri diritti nonché sulle regole vigenti in tema di assistenza e compensazione pecuniaria (nell’ipotesi di ritardo volo, l’obbligo di informazione da parte della compagnia aerea sorge dal momento in cui l’aereo decolli con più di 2 ore di ritardo rispetto all’orario originariamente previsto).

In secondo luogo, in caso di imbarco su un volo alternativo con destinazione finale differente da quella originaria, le spese di trasferimento del passeggero dall’aeroporto di arrivo a quello per il quale era stata inizialmente effettuata la prenotazione o ad un'altra destinazione vicina proposta dal passeggero sono a carico della compagnia aerea.

I diritti dei passeggeri stabiliti dal Regolamento 261/2004/CE sono irrinunciabili, anche nel caso di clausole derogatorie presenti nel contratto di trasporto e lasciano impregiudicati gli eventuali risarcimenti supplementari previsti dai diritti nazionali, da cui però può essere detratto, per decisione del Giudice, quello ottenuto in base al suddetto Regolamento.

In seguito all’adozione del Regolamento 261/2004/CE, ogni Stato membro dell’Unione Europea ha dovuto, infine, designare un “organismo responsabile” (preferibilmente pubblico al fine di assicurarne la terzietà) dell’applicazione del Regolamento stesso, sia per i voli in partenza dagli aeroporti situati nel suo territorio e che per i voli provenienti da un paese terzo e diretti in tali aeroporti, presso cui i passeggeri possano presentare reclami in seguito alla violazione dei propri diritti.

Detto organismo (per l’Italia l’ENAC) adotta tutte le misure necessarie, comprese quelle sanzionatorie di tipo amministrativo stabilite dagli Stati membri per garantire che siano rispettati i diritti dei passeggeri.

Nel caso in cui vi sia stato negato l’imbarco oppure il vostro volo sia stato cancellato/ritardato ma la compagnia aerea non abbia fornito adeguata assistenza o non abbia rispettato quanto sancito da previsioni internazionali e comunitarie, avete la possibilità di far valere i vostri diritti inviando una lettera scritta alla compagnia aerea e reclamando un risarcimento per il disagio subito. Ricordate, tuttavia, che nella prassi il vettore aereo tende a risarcire in primo luogo i danni materiali comprovati, quali, ad esempio, il rimborso del prezzo del biglietto non utilizzato, delle spese alimentari sostenute durante l’attesa o di quelle affrontate per raggiungere la vostra destinazione finale(bus, taxi, noleggio auto). Ciò non toglie, in ogni caso, la possibilità di reclamare un risarcimento anche per il cd. danno da “vacanza rovinata”, relativo alla perdita di giorni di vacanza od al mancato godimento della vacanza stessa, anche se, al momento, risulta più difficile da ottenere senza apposita azione legale.

I diritti riconosciuti ai cittadini europei in caso di smarrimento, danneggiamento o ritardata consegna dei bagagli sono disciplinati dalla Convenzione Internazionale di Montreal del 28 maggio 1999 nonché dal Regolamento 889/2002/CE, che recepisce in un contesto comunitario quanto definito a livello internazionale.

×
×