ECC logo IT

Comunicati stampa

25 Anni di Europa per i consumatori

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

festa europa9 maggio 2018 - Quest’anno il Mercato europeo celebra il suo 25° anniversario. Dal 1993 i cittadini europei hanno visto i loro diritti evolversi giorno dopo giorno: un diritto di recesso uniforme in caso di acquisti online, un periodo di garanzia legale di due anni in tutta Europa, una serie di tutele quando si viaggia in aereo, treno, autobus o nave. 

In occasione della festa dell’Europa del 9 maggio, la rete dei Centri Europei dei Consumatori (ECC-Net) passa in rassegna  alcuni dei cambiamenti più significativi avvenuti in un quarto di secolo in materia di consumo.

Una moneta comune: l’Euro
L’Euro è la prova più tangibile dell’integrazione europea. È la moneta unica di 19 Paesi su 28 ovvero di 338,6 milioni di persone in Europa. Viaggiare in Europa senza la necessità di cambiare la valuta, confrontare i prezzi dei prodotti o acquistare online da siti web senza necessità di convertire il prezzo: tutto questo è possibile sin da gennaio 2002.

Acquisti online: 14 giorni per ripensarci!
È stato risolto il dilemma di sapere quanto tempo abbiamo per restituire un ordine che non ci soddisfa. Dal 13 giugno 2014 il termine entro cui restituire un prodotto acquistato a distanza, online o in una vendita porta a porta è lo stesso in tutta Europa ed è di 14 giorni.

Diritti quando si viaggia in aereo, treno, autobus o nave
Un regolamento europeo per ogni tipo di trasporto tutela i passeggeri che viaggiano in aereo, in treno, in autobus o in nave: prevedendo il rimborso del biglietto, la riprotezione verso la destinazione finale, la compensazione pecuniaria, l’Europa ha garantito una serie di diritti in caso di disservizi per tutte le modalità di trasporto.  

La rete ECC-net per assistenza nelle controversie transfrontaliere 
Perchè i cittadini siano informati sui loro diritti e ricevano assistenza in caso di  controversie contro professionisti che hanno sede in un Paese europeo diverso dal proprio, nel 2005 la Commissione europea ha creato la rete dei Centri Europei dei Consumatori (ECC-Net). Esiste un Centro in ogni Paese dell’Unione Europea, in Islanda e in Norvegia. In Italia il Centro ha due sedi: a Roma e a Bolzano.


Segui la nostra campagna su Twitter (@ecc_web) e scopri i 25 benefici che il mercato unico ha apportato ai consumatori secondo la rete ECC-Net.

Contatti
Il CEC Italia è aperto dal Lunedì al Venerdì e risponde al numero telefonico 06.44238090 (ufficio di Roma) e 0471 980939 (ufficio di Bolzano)

E-mail: info@ecc-netitalia.it
Sito: www. ecc-netitalia.it

 

 

Il Centro Europeo Consumatori Italia partecipa a BIT 2018

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

img bit 20189 febbraio 2018 - Ci sarà anche il Centro Europeo Consumatori Italia alla Borsa Internazionale del Turismo 2018, la storica manifestazione dedicata al turismo, che si terrà a Milano, Fieramilanocity, dall’11 al 13 febbraio.

Il turismo rappresenta uno dei maggiori settori a vocazione transfrontaliera, ma è anche il settore in cui si registrano il maggior numero di reclami” dichiara Maria Pisanò, direttore del Centro. “È, pertanto, necessario sviluppare, promuovere e realizzare una serie di eventi ed azioni volte non solo all’informazione ed alla promozione dei diritti dei viaggiatori, ma anche alla sensibilizzazione dei vari stakeholder sui temi di maggiore problematicità. È quello che ci proponiamo di fare partecipando ad una tra le più importanti manifestazioni di settore”. 

Come previsto dal calendario della BIT 2018, la giornata di apertura al pubblico sarà domenica 11 febbraio. I visitatori dello stand del Centro Europeo Consumatori Italia riceveranno materiale informativo e gadget ed i consulenti del centro saranno a disposizione per consulenze personalizzate. Le giornate di lunedì 12 e martedì 13 febbraio saranno, invece, riservate agli operatori.  

Per tutti, comunque, l’appuntamento con il Centro Europeo Consumatori Italia sarà al Padiglione 3 – Stand G 61.

Nella giornata di lunedì 12 febbraio, il Centro Europeo Consumatori Italia e Adiconsum saranno i portavoce dei diritti dei viaggiatori al convegno organizzato da Fiavet, la Federazione italiana Associazioni Imprese Viaggi e Turismo, dal titolo “Trasporto aereo: problematiche e prospettive”. L’evento si terrà dalle ore 12.30 alle ore 14.00, presso la Sala Suite 3..

Contatti
Il CEC Italia è aperto: dal lunedì al giovedì ore 9.00-13.00 e 14.00-18.00; il venerdì ore 9.00-13.00

Tel. 06.44238090
E-mail: info@ecc-netitalia.it
Sito: www. ecc-netitalia.it
 
 
 

Fallimento Air Berlin: Pronto il modulo per l’insinuazione al passivo

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

air berlin7 novembre 2017 – Lo scorso 1° novembre 2017, il Tribunale di Charlottenburg ha avviato la procedura fallimentare della compagnia aerea tedesca, Air Berlin.

I consumatori che vantano un credito nei confronti di Air Berlin devono inviare la richiesta per l’insinuazione al passivo entro il 1° febbraio 2018.

La richiesta, che è bene inviare con raccomandata A/R, deve contenere:

  • il prezzo del biglietto
  • la motivazione per cui si chiede il rimborso (ad es. cancellazione del volo)
  • i riferimenti del volo (numero di prenotazione, data del volo, ecc.).

I consumatori possono utilizzare il seguente modulo predisposto dai colleghi del Centro Europeo Consumatori Austria per inoltrare la richiesta.

 

Fac-simile di domanda di insinuazione al passivo

Air Berlin Gruppe/Lucas Flöther

Postfach 10 30 10

18005 Rostock

Germany

Am (inserire data di prenotazione).……..... habe ich einen Flug von (inserire aeroporto di partenza)……….. nach (inserire aeroporto di destinazione)......... gebucht. Die Buchungsnummer lautet …..(inserire codice di prenotazione)...… Ich fordere eine Zahlung von € ………..(inserire importo del rimborso) aufgrund der…………………. (inserire motivo della richiesta, ad esempio: Annullierung des Fluges = annullamento del volo; Kofferverlustes = perdita del bagaglio) des Air Berlin-Fluges mit der Flugnummer AB ….....(inserire numero del volo). Meine Kontodaten lauten: Kontoinhaber ..…(inserire titolare del conto corrente)…..………..., IBAN: ....……………..………..... BIC: ...…....., Name der Bank: ..…(inserire nome dell'istituto bancario)………......….

Maggiori informazioni ed aggiornamenti sulla procedura di insolvenza sono reperibili al seguente link:  https://airberlin-inso.de/start

 

Contatti

Per contattare il Centro Europeo Consumatori Italia chiamare dal lunedì al venerdì

Tel. 06 44238090

e-mail: info@ecc-neitalia.it

sito: www.ecc-netitalia.it

 

 

 

Centro Europeo Consumatori Italia e Adiconsum presenti dal 7 al 10 novembre alla XXI edizione di Ecomondo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ecomondo 20177 novembre 2017 - Dal 7 al 10 novembre 2017, il Centro Europeo Consumatori Italia e Adiconsum nazionale saranno alla XXI edizione di Ecomondo, a testimonianza del loro impegno e dell’importanza che la promozione del consumo sostenibile riveste nell’attività da loro svolta sia a livello europeo che nazionale.

Presso lo stand D7/195 del Coordinamento Free di cui Adiconsum è socio, i consumatori-visitatori della Fiera troveranno materiali informativi su come diventare consumatori sostenibili, partendo, ad esempio, dal preferire auto elettriche al posto di quelle alimentate con carburanti inquinanti,  ma anche su come difendersi dai falsi green-claims, cioè dagli annunci di quei produttori che, sulla scia del crescente interesse dei consumatori per la salvaguardia dell’ambiente e della propria salute, dipingono come “naturalistici” o “ecologici” i loro prodotti, che, sottoposti ad analisi mirate, di “green” non hanno proprio nulla.

Ecomondo e Key Energy rappresentano un’occasione unica per incontrare i consumatori, ascoltare loro esperienze, chiarire loro dubbi e raccogliere loro proposte.

 

Centro Europeo Consumatori Italia e Adiconsum

Vi aspettano

dal 7 al 10 novembre 2017

Expo Centre – Rimini Fiera

Stand D7/195 del Coordinamento FREE situato - settore KEY ENERGY

Contatti Ufficio Stampa:

Ufficio Stampa Centro Europeo Consumatori

Tel. +39 0644170222

Cell. +39 3479139574

 

 

 

FALLIMENTO AIR BERLIN

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Fallimento Air Berlin: domanda di ammissione allo stato passivo e offerte speciali per i passeggeri iStock 813957826europei

Il 1 novembre 2017 il tribunale di di Charlottenburg ha dato avvio alla procedura fallimentare della compagnia aerea tedesca Air Berlin (procedura n. 36a IN 4295/17). Alcuni vettori aerei, come ad esempio Lufthansa, offrono ai passeggeri aerei i cui voli di ritorno acquistati da Air Berlin sono stati cancellati, biglietti scontati del 50% al verificarsi di determinate condizioni.

Dove e come inviare il ricorso:

I consumatori che vantano un credito nei confronti di Air Berlin sono tenuti ad inviare la richiesta al curatore fallimentare (Flöther & Wissing, Insolvenzverwaltung, Wallstraße 14 A, 21019 Berlin)entro la data del 1 febbraio 2018. La possibilità, tuttavia, di ottenere un rimborso è veramente bassa stante la situazione economica in cui versa il vettore e la circostanza che il credito vantata dai consumatori non è un credito privilegiato.

La richiesta deve contenere:

  • il prezzo del biglietto;
  • la motivazione per cui si chiede il rimborso ( per esempio, per cancellazione del volo);
  • i riferimenti del volo (numero di prenotazione, data del volo ecc..).

Chi potrà beneficiare dell’offerta di un volo di ritorno a metà prezzo?

Lufthansa, Eurowings, Swiss e Austrian Airlines offrono biglietti di ritorno a prezzi scontati alle seguenti condizioni:

  • il biglietto del volo cancellato sia stato acquistato prima della data del 15 Agosto 2017 (data in cui Air Berlin ha presentato istanza di fallimento);
  • il volo di ritorno sarebbe dovuto essere operato tra il 28 ottobre e il 15 novembre 2017;
  • la tariffa scontata non è applicabile per i voli domestici della Germania;
  • i passeggeri sono tenuti a pagare il prezzo intero per i nuovi biglietti e chiedere, successivamente, il rimborso del 50%.

E’ utile tener presente che i passeggeri devono prenotare il nuovo volo sul sito di una delle compagnie aeree sopra menzionate e che lo stesso deve necessariamente essere operato dalla compagnia prescelta e non da loro partner. I passeggeri saranno poi tenuti ad inviare entrambi i biglietti ( quello del volo cancellato da Air Berlin e quello acquistato successivamente con i vettori indicati) per ottenere il rimborso della metà del prezzo del nuovo biglietto. La richiesta di rimborso deve essere inviata al vettore entro la data del 15 Dicembre 2017. Maggiori informazioni sono reperibili sul sito di Lufthansa.

 

Controversie di modesta entità: In vigore nuove norme

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

COMUNICATO STAMPA

Controversie transfrontaliere:
in vigore le nuove norme sul
"Procedimento europeo per le controversie di modesta entità".

Il Centro Europeo Consumatori Italia,
designato dal Ministero della Giustizia,
ad assistere i consumatori

03 normative europee web14 luglio 2017 - È entrato in vigore il Regolamento (UE) n. 2015/2421 adottato dal Parlamento Europeo e dal Consiglio per semplificare ed ampliare l’ambito di applicazione del Procedimento europeo per le controversie di modesta entità.

Correva l’anno 2009 quando veniva istituita questa nuova possibilità di accesso alla giustizia per i cittadini e le imprese europee, utilizzabile in tutti gli Stati Membri (ad eccezione della Danimarca) in caso di controversie transfrontaliere di modesta entità in materia civile e commerciale, in alternativa ai procedimenti ordinari interni. La sentenza emessa al termine di detta procedura è immediatamente riconosciuta ed eseguita in un altro Stato Membro senza che si renda necessaria una dichiarazione di esecutività.

Per ampliare le potenzialità di questo strumento (le statistiche 2016 dell’ECC-Net rivelano che poco più dell’1% dei consumatori ha avviato il Procedimento europeo per le controversie di lieve entità nei casi in cui non è stato possibile risolvere il reclamo attraverso la rete), il Regolamento ha innalzato a 5000 euro il valore limite della controversia, mentre, per ridurre i costi e la durata della procedura, l’udienza, se indispensabile, verrà effettuata utilizzando le moderne tecnologie di comunicazione. 

Il Regolamento obbliga, inoltre, gli Stati Membri, ad assicurare che le parti possano disporre di assistenza pratica sia per l’individuazione del giudice competente sia per la compilazione dei moduli.  In Italia sarà il Centro Europeo Consumatori Italia, su designazione del Ministero della Giustizia, ad assistere i consumatori nell’avvio del Procedimento europeo per le controversie di modestà entità. 

In concomitanza con l’entrata in vigore del nuovo Regolamento, il Centro Europeo Consumatori Italia pubblica sul proprio sito www.ecc-netitalia.it  un leaflet informativo per spiegare, in maniera semplice e concisa,  che cos’è e come funziona il Procedimento europeo per le controversie di modesta entità, con un breve focus sull’organo giurisdizionale competente in Italia e sulle spese di giudizio.

Per scaricare il leaflet cliccare qui.

Contatti
Per contattare il Centro europeo Consumatori Italia chiama dal lunedì al venerdì

06.44238090

 
 
 
 

COME DIFENDERSI DALLE TRAPPOLE ONLINE

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

I consumatori europei sono sempre più esposti agli invadenti e ingannevoli annunci sul web; è importante quindi che adottino un atteggiamento più critico nei confronti di queste offerte, così da non ritrovarsi a pagare per prodotti e abbonamenti non richiesti. La rete ECC-Net ha realizzato un video per aiutare i consumatori ad identificare le truffe online.Schermata 2017 11 02 alle 14

La pubblicità invadente che propone pacchetti di prova gratuiti o offerte vantaggiose appare sempre più frequentemente sui social media sotto forma di avvisi pop-up. Questi messaggi insistenti generano nei consumatori europei reazioni impulsive e li inducono ad acquisti poco meditati o indesiderati. Tuttavia, se un consumatore viene vincolato ad un’ offerta senza che abbia prestato esplicitamente il consenso, questa può essere considerata ingannevole e non vincolante; è perciò importante che i consumatori rifiutino prontamente questi servizi imposti.

 

 

 

La soluzione è la conoscenza

La capacità di riconoscere una trappola on-line, così come la consapevolezza dei propri diritti da parte del consumatore, sembra essere la soluzione ai servizi e alle offerte indesiderati. I consumatori devono sapere quando poter rifiutare un pagamento per prodotti o abbonamenti indesiderati. Nonostante ciò, un sondaggio*mostra che i consumatori europei hanno in realtà una scarsa conoscenza dei propri diritti quando si ritrovano, con l’inganno, ad aver sottoscritto un abbonamento o ad aver acquistato un pacchetto indesiderato. I consumatori, nello specifico, non sono consapevoli del diritto di recedere e della possibilità di chiedere alla loro banca di annullare la transazione effettuata con la carta di credito.

L’ECC-net propone un filmato che in modo semplice e divertente mostra alcune caratteristiche di queste trappole. Lo scopo del video è di consentire ai consumatori di riconoscere queste trappole online.

Attraverso questo video e i nostri 5 consigli su come affrontare le trappole online, vogliamo fornire ai consumatori uno strumento per reagire prontamente nel caso in cui si sentissero truffati nel compiere un acquisto o anche per evitare offerte di dubbia provenienza dice Maria Pisanò, direttore del Centro Europeo Consumatori Italia

 VIDEO

5 CONSIGLI – Come comportarsi con le trappole on-line

  1. Prima di inserire il tuo nome e il tuo indirizzo, dovresti controllare se ciò comporterà un vincolo ad un acquisto o ad una sottoscrizione.
  2. Quando si seleziona un pacchetto prova deve essere chiaramente specificato se lo stesso comporta una sottoscrizione vincolante.
  3. Non sei obbligato a pagare o restituire un prodotto che non hai ordinato.
  4. E’ il venditore a dover dimostrare che hai prestato il consenso all’ acquisto.
  5. Se il venditore preleva del denaro dalla tua carta di credito senza il tuo consenso, puoi presentare un reclamo presso la tua banca e chiedere il riaccredito della somma.

*Il sondaggio è un’indagine quantitativa condotta da Sifo Kantar in Svezia, Norvegia, Finlandia, Paesi Bassi, Belgio e Austria, i sei paesi della rete ECC-Net in cui si riscontra il maggior numero di problemi in relazione alle sottoscrizioni ingannevoli. (Report)

CEC Italia al Netcomm Forum 2017 al MiCo di Milano

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
COMUNICATO STAMPA del 10 MAGGIO 2017  

 

10-11 maggio 2017

CEC Italia al Netcomm Forum 2017

al MiCo di Milano


Netcomm social1

C’è anche il Centro Europeo Consumatori Italia alla XII edizione del Netcomm Forum 2017, l’evento dedicato all’e-commerce presso il MiCo di Milano. In qualità di punto di contatto nazionale dell’European Consumer Centres Network (ECC-Net), la rete europea istituita dalla Commissione Europea e co-finanziata dagli Stati membri, il Centro Europeo Consumatori Italia fornisce, infatti, informazioni e assistenza ai consumatori che acquistano beni e servizi in un Paese europeo diverso dal proprio, e che lo fanno soprattutto grazie all’e-commerce. 

La presenza del CEC Italia al Netcomm Forum rappresenta una preziosa occasione per informare le aziende circa la normativa vigente nel settore degli acquisti di beni e servizi on line, nonché degli obblighi previsti a carico dei venditori a tutela dei consumatori. Il rispetto degli obblighi di legge è di fondamentale importanza per la loro stessa attività e per il commercio in generale perché accresce e salvaguarda la fiducia dei consumatori negli acquisti on line.

Il CEC Italia rappresenta anche il punto di contatto nazionale della piattaforma europea ODR, uno strumento di estrema utilità anche per le aziende, che potranno risolvere agevolmente, con tempi e costi ridotti, tutte le controversie insorte in seguito ad acquisti on line, indipendentemente dalla diversa nazionalità e dalla distanza fisica dei consumatori.

Il Centro nel 2016 ha fornito informazioni a più di 3.000 consumatori e gestito più di 3.300 reclami transfrontalieri.

Dove trovare il CEC Italia al Netcomm Forum 2017:

Centro Europeo Consumatori Italia (ECC-Net)

10-11 maggio 2017

Milano Congressi

Gate 14 - Corsia G - Stand F35

 

 
 
Stand CEC MiCo